Grazie per esserti iscritto alla nostra newsletter! 
Ti terremo aggiornato sulle nostre novità, promozioni e sui nostri eventi.

Edizioni il Frangente

 
Seguici Seguici Facebook | Assistenza Clienti+39 045 8012631 $scrivici
Password dimenticata?
logo Il Frangente

Hai già inoltrato la richiesta per essere avvisato sulla disponibilità di questo prodotto.

Sarai avvisato appena il prodotto è disponibile.

Grazie!

Edizioni il Frangente

Abbiamo inserito la tua richiesta.

Quando il prodotto sarà disponibile, sarai avvisato per email.

Grazie!

Edizioni il Frangente

 

Per essere avvisati sulla disponibilità del prodotto è richiesta la registrazione.

Se sei già registrato effettua il login, altrimenti REGISTRATI.

La Sacchetta

Claudio Ernè, Tiziana Oselladore

CODICE
CCE 06
EDITORE
Comunicarte Edizioni
ISBN
9788862870672
EDIZIONE
2011
LINGUA
Italiano
PAGINE
192 ill. b/n
FORMATO
270 x 210 mm
RILEGATURA
brossura
€ 25,00
Storie e immagini del cuore marinaro di Trieste
Nel 1948 Pier Antonio Quarantotti Gambini vince il Premio Bagutta con "L’onda dell’incrociatore" pubblicato da Einaudi. La storia narrata – forse uno dei testi più riusciti dello scrittore – è ambientata nella Sacchetta di Trieste tra dighe, società canottiere, barche e zattere. Partendo proprio da queste righe di Quarantotti Gambini, Ernè e Oselladore ricostruiscono la vicende di questo microcosmo dove la città vive sul mare e dove il mare è più vivo. Oltre 200 immagini, in gran parte inedite, citazioni letterarie, memorie e ricordi vengono raccolti per la prima volta in un unico volume. Ma sfogliando il libro possiamo trovare anche avvenimenti di cronaca e imprese sportive da record come quella che vide alcuni canottieri partire dalla Sacchetta e in alcuni giorni arrivare a Zara, allora in Jugoslavia. Gli autori tracciano anche un’attenta analisi dello sviluppo storico di questo contesto urbanistico così particolare: granai in riva al mare trasformati in palazzi di abitazione, canottiere di legno rifatte in cemento, vecchi lazzaretti e immense pescherie oggi musei e spazi espositivi, senza dimenticare alcuni piccoli gioielli architettonici, firmati da Max Fabiani e da Ernesto Rogers ad esempio, e particolarità come il Bagno alla Lanterna, unico stabilimento balneare diviso da un muro: da una pare le donne dall’altra gli uomini. Una viaggio lungo oltre tre secoli per un album di storie, immagini e suggestioni imperdibile per chi ama il mare.

Ti potrebbero interessare anche
  • Navigare in Alto Adriatico
  • Una raffica all'improvviso
  • Golfo di Trieste