Grazie per esserti iscritto alla nostra newsletter! 
Ti terremo aggiornato sulle nostre novità, promozioni e sui nostri eventi.

Edizioni il Frangente

 
Seguici Seguici Facebook | Assistenza Clienti+39 045 8012631 $scrivici
Password dimenticata?
logo Il Frangente

Hai già inoltrato la richiesta per essere avvisato sulla disponibilità di questo prodotto.

Sarai avvisato appena il prodotto è disponibile.

Grazie!

Edizioni il Frangente

Abbiamo inserito la tua richiesta.

Quando il prodotto sarà disponibile, sarai avvisato per email.

Grazie!

Edizioni il Frangente

 

Per essere avvisati sulla disponibilità del prodotto è richiesta la registrazione.

Se sei già registrato effettua il login, altrimenti REGISTRATI.

Kayak d'alto corso

François Cirotteau, Dominique Benazet, Bernard Lambolez

CODICE
MUR 139
EDITORE
Mursia
ISBN
9788842587262
LINGUA
Italiano
PAGINE
352 con inserto a colori
€ 12,90
Nata ufficialmente in Germania alla fine degli anni '60 con l'Alpin Kayak Club di Monaco, la specialità del kayak d'alto corso, cioè della discesa di torrenti, si è presto diffusa anche in Francia, dove peraltro il Groupe d'Haute Rivière già da dieci anni aveva iniziato a esplorare e a discendere molti dei più impegnativi corsi d'acqua delle Alpi. Su questa tradizione appunto si inseriscono gli autori di questo volume, tre canoisti francesi, che sono stati considerati veri fuoriclasse di questa difficile disciplina. Tutti e tre con alle spalle un lungo passato sportivi, sono stati tra gli interpreti più conosciuti di questo modo di discendere i fiumi fin quasi dalle sorgenti, là dove l'acqua si fa strada nel caotico ammasso di rocce tra le alte pareti delle gole. Proprio per tale motivo, essi hanno deciso di presentare le loro esperienze affascinanti ad un più vasto pubblico attraverso queste pagine, nelle quali i lettori potranno trovare una preziosa serie di consigli sui materiali, sull'equipaggiamento, sulla tecnica di manovra e di soccorso, oltre a una particolareggiata descrizione dei tratti di fiume e delle difficoltà e dei passaggi più ostici. Una ricca serie di fotografie aiuta a entrare, oltre che nelle gole più inaccessibili, accanto a salti mozzafiato, anche nello spirito che sta alla base di quella che si può definire "la canoa fuoripista". Questa maniera di "far canoa" si è diffusa anche in Italia dove si trovano alcuni dei percorsi più classici dell'alto corso. Perciò, alle 30 proposte di discesa illustrate dagli autori, sono stati qui aggiunti altri 10 percorsi delle Alpi e degli Appennini che consentono, tra l'altro, di entrare in contatto con ambienti naturali molto lontani dalle normali vie del turismo.

Ti potrebbero interessare anche
  • Diario di un canoista
  • Isole selvagge
  • Lezioni di kayak