Grazie per esserti iscritto alla nostra newsletter! 
Ti terremo aggiornato sulle nostre novità, promozioni e sui nostri eventi.

Edizioni il Frangente

 
Seguici Seguici Facebook | Assistenza Clienti+39 045 8012631 $scrivici
Password dimenticata?
logo Il Frangente

Hai già inoltrato la richiesta per essere avvisato sulla disponibilità di questo prodotto.

Sarai avvisato appena il prodotto è disponibile.

Grazie!

Edizioni il Frangente

Abbiamo inserito la tua richiesta.

Quando il prodotto sarà disponibile, sarai avvisato per email.

Grazie!

Edizioni il Frangente

 

Per essere avvisati sulla disponibilità del prodotto è richiesta la registrazione.

Se sei già registrato effettua il login, altrimenti REGISTRATI.

Storia della Marina Militare delle Due Sicilie (1734-1860)

Lamberto Radogna

CODICE
MUR 214
EDITORE
Mursia
ISBN
9788842587538
LINGUA
Italiano
PAGINE
248
FORMATO
140 x 210 mm
RILEGATURA
Brossura
€ 46,00
L'Armata di Mare delle Due Sicilie, com'era allora chiamata la Marina da guerra borbonica, è stata senza dubbio la più importante marina da guerra esistente in Italia prima dell'unificazione.
Frutto di un'antica tradizione, si distinse infatti per organizzazione, tecnica e amministrativa, per qualità e quantità di naviglio, pur con qualche «eterogeneità», per l'inquadramento di ufficiali di bassa forza. Prova ne è che all'indomani dell'Unità, il conte di Cavour estendeva le sue ordinanze, i regolamenti, i segnali e persino le uniformi alla marina da guerra del regno. Una rievocazione di questa Marina, condotta dal 1734 al 1860, cioè all'avvento di Carlo di Borbone fino alla costruzione del Regno d'Italia, non poteva che confermare quello che tutti gli studi storici e le testimonianze dei contemporanei hanno tracciato: il quadro di una forza singolarmente dinamica e moderna, adeguata via via ai tempi e alle necessità, fino all'apogeo dovuto all'arricchimento apportato dalle navi a vapore, che ne fecero una delle più importanti flotte del Mediterraneo.
Artefici di questo furono uomini di valore come Acton, dalle indubbie capacità organizzative e dalle notevoli doti strategiche e di comando, che pur riflettendo le lacerazioni da cui era insediato il potere stesso dei Borbone, seppero imprimere il suggello della propria personalità e del proprio dinamismo a quella viva struttura che è una flotta.

Lamberto Radogna laureato in Scienze Economiche e Marittime, commissario su navi passeggeri, capitano commissario su navi della Marina Militare, decorato con due medaglie al valor militare, e una croce di guerra al merito, è da tempo collaboratore di riviste marittime italiane ed estere, nonché autore di opere sulla storia dei trasporti marittimi e sul naviglio delle Marine prerisorgimentali.

Ti potrebbero interessare anche
  • Storia della motonave Viminale
  • Storia della marineria
  • Da Lepanto ad Hampton Roads
  • Gran Pavese
  • Nuovi studi sulla Tabula de Amalpha
  • L'Istituto Idrografico della Marina in forte San Giorgio
  • L'Istituto Idrografico della Marina: 1872-1972