Grazie per esserti iscritto alla nostra newsletter! 
Ti terremo aggiornato sulle nostre novità, promozioni e sui nostri eventi.

Edizioni il Frangente

 
Seguici Seguici Facebook | Assistenza Clienti+39 045 8012631 $scrivici
Password dimenticata?
logo Il Frangente

Hai già inoltrato la richiesta per essere avvisato sulla disponibilità di questo prodotto.

Sarai avvisato appena il prodotto è disponibile.

Grazie!

Edizioni il Frangente

Abbiamo inserito la tua richiesta.

Quando il prodotto sarà disponibile, sarai avvisato per email.

Grazie!

Edizioni il Frangente

 

Per essere avvisati sulla disponibilità del prodotto è richiesta la registrazione.

Se sei già registrato effettua il login, altrimenti REGISTRATI.

Titanic, l'altra storia

Donatello Bellomo

CODICE
MUR 198
EDITORE
Mursia
ISBN
9788842549789
EDIZIONE
2012
LINGUA
Italiano
PAGINE
304 con inserto fotografico
FORMATO
140 x 210 mm
RILEGATURA
Brossura
€ 16,00
«L’impatto con l’iceberg è stato soltanto l’ultimo anello della catena. Ce ne sono altri: menzogne e verità sottaciute o non dette. Il transatlantico più famoso della storia ha navigato cento ore nella calma piatta ed è affondato per una somma sbalorditiva di superficialità. I conti si fanno alla fine: in quegli ultimi centosessanta minuti è andata in scena la rappresentazione del mondo.»

La notte tra il 14 e il 15 aprile 1912, durante il quinto giorno del viaggio inaugurale, il Titanic strisciava contro un iceberg con la fiancata destra. Meno di duecento minuti dopo si spezzava e scompariva nell’oceano immobile. In quel momento iniziava il mito del Titanic, «La Nave» che ha sfondato i confini dell’immaginario, simbolo perpetuo della fallibilità della tecnica sostenuta dal delirio di onnipotenza degli uomini. Il gioiello della White Star Line si è inabissato portando con sé circa millecinquecento persone e le loro storie. Una tragedia mondiale, quasi un prologo delle catastrofi che di lì a poco avrebbero travolto il mondo. Una matassa di reticenze e menzogne ha coperto i responsabili della catena implacabile: errori, omissioni, incuria e negligenze che hanno provocato il disastro destinato a essere il manifesto e il simbolo del Novecento.
Ogni frammento della vicenda viene ricostruito con un rigore storico inappuntabile e con uno stile incalzante come un romanzo. Del Titanic si sa «quasi» tutto, ma quella che riemerge da queste pagine è «un’altra storia» dove il dio denaro e il potere commerciale sui mari si intrecciano con la miseria e la frenesia dei mass media. E il dolore con l’amore, l’indifferenza, l’eroismo, la viltà. Sulla «Nave» c’erano il passato e il futuro del Secolo breve. Una metafora eterna del nostro tempo.



Ti potrebbero interessare anche
  • Il naufragio de La Meduse
  • La tragedia del Bounty
  • Il sogno spezzato
  • S.O.S. il "Guia" affonda
  • Dal Titanic all'Andrea Doria
  • Quattro drammi sul mare
  • Naufraghi nel deserto blu
  • Il naufragio della Querina
  • Naufraghi
  • Sud