Grazie per esserti iscritto alla nostra newsletter! 
Ti terremo aggiornato sulle nostre novità, promozioni e sui nostri eventi.

Edizioni il Frangente

 
Seguici Seguici Facebook | Assistenza Clienti+39 045 8012631 $scrivici
Password dimenticata?
logo Il Frangente

Hai già inoltrato la richiesta per essere avvisato sulla disponibilità di questo prodotto.

Sarai avvisato appena il prodotto è disponibile.

Grazie!

Edizioni il Frangente

Abbiamo inserito la tua richiesta.

Quando il prodotto sarà disponibile, sarai avvisato per email.

Grazie!

Edizioni il Frangente

 

Per essere avvisati sulla disponibilità del prodotto è richiesta la registrazione.

Se sei già registrato effettua il login, altrimenti REGISTRATI.

I due capitani

Francesco Vitale

CODICE
EDV 10
EDITORE
Tulio Pironti Editore
ISBN
9788879375948
EDIZIONE
2012
LINGUA
Italiano
PAGINE
184
FORMATO
140 x 210 mm
RILEGATURA
Brossura con alette
€ 10,00
La folle sfida del comandante Schettino e del pilota dei Marines Ashby Le storie parallele di due capitani, di due ufficiali, che con le loro manovre spregiudicate per mare e per cielo hanno provocato la morte di decine di persone. Sono le storie di Francesco Schettino, comandante della nave Concordia naufragata lo scorso gennaio di fronte all'isola del Giglio, e di Richard Ashby, il pilota dei Marines che nel febbraio del 1998 con il suo "Prowler" tranciò di netto i cavi della funivia del Cermis, causando la caduta della cabina e la morte di venti persone. Due storie lontane nel tempo, l'una dall'altra, ma con tantissimi punti in comune, a cominciare dalla personalità dei due protagonisti. Schettino e Ashby sono due uomini spavaldi e ambiziosi. Entrambi amano il rischio e le sfide. Entrambi tentano manovre impossibili, sfidando il limite tecnico delle rispettive "macchine". Due manovre che hanno lo stesso scopo: dimostrare di essere il più bravo di tutti. Per diventare una leggenda in Costa Crociere, Schettino; per battere in un assurdo gioco gli altri equipaggi dei Marines "rischierati" nella base di Aviano, Ashby. Prefazione di Maria Concetta Mattei.