Grazie per esserti iscritto alla nostra newsletter! 
Ti terremo aggiornato sulle nostre novità, promozioni e sui nostri eventi.

Edizioni il Frangente

 
Seguici Seguici Facebook | Assistenza Clienti+39 045 8012631 $scrivici
Password dimenticata?
logo Il Frangente

Hai già inoltrato la richiesta per essere avvisato sulla disponibilità di questo prodotto.

Sarai avvisato appena il prodotto è disponibile.

Grazie!

Edizioni il Frangente

Abbiamo inserito la tua richiesta.

Quando il prodotto sarà disponibile, sarai avvisato per email.

Grazie!

Edizioni il Frangente

 

Per essere avvisati sulla disponibilità del prodotto è richiesta la registrazione.

Se sei già registrato effettua il login, altrimenti REGISTRATI.

Dal Pampero agli Alisei

Luigi Ottogalli

CODICE
NAV 42
EDITORE
Edizioni il Frangente
ISBN
9788898023714
EDIZIONE
2016
LINGUA
Italiano
PAGINE
184 ill. b/n
FORMATO
150 x 210 mm
RILEGATURA
Brossura con alette
€ 17,00
€ 15,30

Il viaggio invisibile del Jonathan

Come un antico vascello fantasma, degno dei racconti più misteriosi del mare, il Jonathan con il suo equipaggio si è trovato nella condizione di dover percorrere per ben quattromila miglia l’intera costa brasiliana, dal confine con l’Uruguay a quello con la Guayana francese, all’oscuro dalle autorità del Paese a causa di un quasi kafkiano cavillo burocratico. Un viaggio che dunque doveva essere invisibile, ma allo stesso tempo visibile a chi incontrava lungo la rotta, per vivere al meglio le bellezze naturali e l’atmosfera magica di questo straordinario Paese.
Il racconto si intreccia in un susseguirsi di “mancati” incontri con le autorità, non senza qualche patema d’animo, e gli incontri con vari personaggi, alcuni decisamente fuori dagli schemi, nei quali immancabilmente ci si imbatte nei lunghi viaggi per mare.
Conosceremo così Shirley, navigatrice solitaria con il suo valente Speedwell of Hong Kong, salpata da Cape Town, in vagabondaggio da anni tra l’Atlantico meridionale e settentrionale inanellando miglia su miglia; l’enigmatico avventuriero Bruce, sperduto in Argentina nella Bahia de Sanblas, oramai giunto alle soglie della senilità e con davanti a sé la sola prospettiva di un sereno declino; ci si commuoverà sulla sorte della barca Tetis, che pensando d’essere tornata a correre libera per gli oceani incontrerà, invece, il suo triste destino; l’argentino Tirso, nelle cui vene probabilmente scorre più acqua di mare che sangue; oppure Francesco, un coraggioso siciliano lanciato su una barca d’epoca verso il Sud del mondo; ricompare il simpatico Roland, un personaggio presente anche in altri racconti, questa volta impegnato in un’avventura brasilegna a Fortaleza.
Come per i suoi precedenti libri, l’autore ama raccontare il suo zigzagare nell’Atlantico del Sud attraverso gli occhi e le emozioni di chi si imbatte sul suo cammino.
In appendice, le schede sintetiche, corredate da pianetti disegnati a mano, dei principali scali menzionati nei racconti.
 

L'AUTORE
Luigi Ottogalli
Luigi Ottogalli
Nasce a Milano il 3 marzo 1945, dove si laurea in architettura e svolge la professione fino a quando, sempre più attratto dal mare e dalla navi...
leggi tutto

Ti potrebbero interessare anche
  • Viaggio in Mediterraneo
  • Refola Giro del mondo a tappe
  • Rotta a Levante
  • Mai Stracc
  • Gli avventurosi viaggi del capitano Voss
  • I nuovi racconti di Gattofelice

Titoli dello stesso autore
  • Rotta a zig-zag
  • In fuga da Buenos Aires a Trinidad
  • Rotta a zig-zag
  • Un Porto un Racconto