Grazie per esserti iscritto alla nostra newsletter! 
Ti terremo aggiornato sulle nostre novità, promozioni e sui nostri eventi.

Edizioni il Frangente

 
Seguici Seguici Facebook | Assistenza Clienti+39 045 8012631 $scrivici
Password dimenticata?
logo Il Frangente

Hai già inoltrato la richiesta per essere avvisato sulla disponibilità di questo prodotto.

Sarai avvisato appena il prodotto è disponibile.

Grazie!

Edizioni il Frangente

Abbiamo inserito la tua richiesta.

Quando il prodotto sarà disponibile, sarai avvisato per email.

Grazie!

Edizioni il Frangente

 

Per essere avvisati sulla disponibilità del prodotto è richiesta la registrazione.

Se sei già registrato effettua il login, altrimenti REGISTRATI.

L'ombra atlantica

Maurizio Lamorgese

CODICE
FSB 205
EDITORE
Absolutely Free
ISBN
9788868581787
EDIZIONE
2020
LINGUA
Italiano
PAGINE
153
RILEGATURA
Brossura
€ 15,00

Da Las Palma di Gran Canaria a S.Lucia dei Caraibi. Una regata ormai storica. La chiamano semplicemente ARC, Atlantic, Rally, Cruising. Dicono che il mare inviti a riflettere su se stessi, ma farlo sull’oceano, è meglio!

Dopo “Sotto una nuvola a forma di banana” Maurizio Lamorgese torna alla sua “seconda professione” (la prima, ovviamente, è quella di skipper) per raccontare ai lettori l’esperienza di una regata atlantica nella quale, sebbene si navighi in equipaggio, i momenti di solitudine sono molti e spingono spontaneamente nella rete delle “riflessioni”, non così comuni nella “vita terrestre”. Lo spazio immenso, la distesa d’acqua senza confini, il movimento dello scafo, il vento da ogni parte, il brutto tempo, le veglie di guardia, il sonno perso, il condividere gli spazi, le manovre, gli orari sballati, il buio profondo delle notti, albe e tramonti da brividi e, infine, l’assenza di contatto con il resto del mondo, rendono la regata una bella prova di carattere, per chiunque. «Ed è qui», racconta Lamorgese, «che certe “domande” trovano acqua per germogliare. Non penso di dare delle risposte, ma di portare il lettore a riflettere su quegli spazi personali che sempre più spesso allontaniamo, mentre il mare, con la sua immensità e i suoi silenzi, fa emergere dalle infinite profondità».

Una “voce” interiore che proviene dal più magico e vitale elemento di questo meraviglioso pianeta… l’acqua.