Grazie per esserti iscritto alla nostra newsletter! 
Ti terremo aggiornato sulle nostre novità, promozioni e sui nostri eventi.

Edizioni il Frangente

 
Seguici Seguici Facebook | Assistenza Clienti+39 045 8012631 $scrivici
logo Il Frangente

Hai già inoltrato la richiesta per essere avvisato sulla disponibilità di questo prodotto.

Sarai avvisato appena il prodotto è disponibile.

Grazie!

Edizioni il Frangente

Abbiamo inserito la tua richiesta.

Quando il prodotto sarà disponibile, sarai avvisato per email.

Grazie!

Edizioni il Frangente

 

Per essere avvisati sulla disponibilità del prodotto è richiesta la registrazione.

Se sei già registrato effettua il login, altrimenti REGISTRATI.

La ballata del vecchio marinaio

Samuel Taylor Coleridge

CODICE
IRC 14
EDITORE
Ireco
ISBN
8886253095
EDIZIONE
1999
LINGUA
Italiano
PAGINE
80 in b/n
FORMATO
127×210 mm
RILEGATURA
Brossura con alette
€ 12,00

In una traduzione nuova e completamente rivista dal testo originale da Massimo Giannotta, la ballata del vecchio marinaio racconta la storia di un favoloso viaggio, segnato dalla fatalità e dalla sfortuna. Un giovane invitato a un festino di nozze viene fermato da un vecchio marinaio e da questi trattenuto, contro la propria volontà, ad ascoltare la sua straordinaria avventura.

Così egli inizia la narrazione e racconta della sua nave che dopo la gioiosa partenza, giunge nelle estreme latitudini australi in un paesaggio di gelo e di desolazione e, assediata dai ghiacci, si imbatte in un albatro, uccello di buon augurio, riesce a disimpegnarsi e a dirigersi di nuovo, grazie a venti propizi, verso i più miti climi equatoriali.

Ma per un inesplicabile sussulto di gratuita perversità, il marinaio colpisce a morte il grande uccello. La nave allora entra in panna, i naviganti sono sottoposti ai tormenti della sete fino all’incontro con una nave fantasma sulla quale gli spettri giocano a dadi le vite dei marinai rapendole tutte tranne quella del vecchio marinaio.

Così, abbandonato nella sua nave tra i compagni morti, in acque inquietanti e magate, tra prodigi e dolore, il marinaio compie un lungo viaggio che si conclude magicamente al porto di partenza, dove la tragica nave infine s’inabissa lasciandolo solo superstite, con i suoi rimorsi. Grande metafora del poeta che, come il vecchio marinaio, è portatore di una oscura colpa, condannato come lui sempre a narrarla a qualcuno che la raccoglierà e se ne caricherà parte del peso.