Grazie per esserti iscritto alla nostra newsletter! 
Ti terremo aggiornato sulle nostre novità, promozioni e sui nostri eventi.

Edizioni il Frangente

 
Seguici Seguici Facebook | Assistenza Clienti+39 045 8012631 $scrivici
logo Il Frangente

Hai già inoltrato la richiesta per essere avvisato sulla disponibilità di questo prodotto.

Sarai avvisato appena il prodotto è disponibile.

Grazie!

Edizioni il Frangente

Abbiamo inserito la tua richiesta.

Quando il prodotto sarà disponibile, sarai avvisato per email.

Grazie!

Edizioni il Frangente

 

Per essere avvisati sulla disponibilità del prodotto è richiesta la registrazione.

Se sei già registrato effettua il login, altrimenti REGISTRATI.

Scapa Flow 1919

Friedrich Ruge

CODICE
MUR 279
EDITORE
Ugo Mursia Editore
ISBN
9788842535164
EDIZIONE
1980
LINGUA
Italiano
PAGINE
217 ill. b/n
FORMATO
143 x 210 mm
RILEGATURA
Brossura con alette
€ 17,00

La tragedia della flotta militare tedesca

Il 21 giugno 1919 la base navale britannica di Scapa Flow, nelle Isole Orcadi, divenne in poche ore un gigantesco cimitero di navi. Undici corazzate, tredici tra incrociatori leggeri e da battaglia e cinquanta cacciatorpediniere della flotta d’alto mare tedesca si autoaffondarono. Tutte le unità della Kaisermarine superstiti della Prima guerra mondiale, internate dopo la fine del conflitto nella rada di Scapa Flow, vennero sabotate dagli equipaggi. Che cosa aveva spinto l’ammiraglio von Reuter a dare l’ordine di autoaffondarsi? Quali avvenimenti avevano preceduto e determinato quel tragico avvenimento? Friedrich Ruge, che all’epoca era un giovane ufficiale internato nella base inglese con il cacciatorpediniere su cui era imbarcato, risponde in modo esauriente e definitivo a queste domande, in un libro che rappresenta una riuscita fusione tra il resoconto vivo e appassionato del testimone e la visione critica dello storico.