Grazie per esserti iscritto alla nostra newsletter! 
Ti terremo aggiornato sulle nostre novità, promozioni e sui nostri eventi.

Edizioni il Frangente

 
Seguici Seguici Facebook | Assistenza Clienti+39 045 8012631 $scrivici
logo Il Frangente

Hai già inoltrato la richiesta per essere avvisato sulla disponibilità di questo prodotto.

Sarai avvisato appena il prodotto è disponibile.

Grazie!

Edizioni il Frangente

Abbiamo inserito la tua richiesta.

Quando il prodotto sarà disponibile, sarai avvisato per email.

Grazie!

Edizioni il Frangente

 

Per essere avvisati sulla disponibilità del prodotto è richiesta la registrazione.

Se sei già registrato effettua il login, altrimenti REGISTRATI.

Capo Horn alla vela: 14.000 miglia senza scalo

Bernard Moitessier

CODICE
MUR 291
EDITORE
Ugo Mursia Editore
ISBN
9788842508762
EDIZIONE
1999
LINGUA
Italiano
PAGINE
310 ill. b/n
FORMATO
140 x 210 mm
RILEGATURA
Brossura con alette
€ 18,00
EDIZIONE 1999

In questo libro l'Autore racconta la propria vicenda, da quando, naufrago e senza mezzi alla Martinica, riesce a raggiungere la Francia, a risalire la china, a sposarsi felicemente e soprattutto ad avere finalmente una bella imbarcazione, il ketch di 12 metri Joshua.
Con Joshua l'Autore porta la moglie in un meraviglioso "viaggio di nozze": dalle Canarie alla Martinica, poi, attraverso il Canale di Panama, passaggio nel Pacifico: le Galapagos, le Marchesi, le Tuamotu, fino a Thaiti. Un viaggio condotto con comodo, per la gioia di vivere. 
Ma intanto è maturata la decisione di tornare passando da Capo Horn: cosa del tutto imprevista alla partenza. 

La personalità eccezionale dell'Autore si manifesta continuamente, tanto nella vivacità delle annotazioni, e nell'esattezza delle notizie colte con spirito di marinaio, quanto per la carica vitale e l'impegno morale che lo animano.
In queste pagine si può forse trovare la chiave per spiegare lo straordinario gesto con cui Moitessier, ai primi del 1969, dopo aver praticamente vinto la regata per il giro del mondo a vela in solitario, senza scalo, ha proseguito il viaggio lungo i "40 ruggenti" invece di andare a raccogliere applausi e onori.