Grazie per esserti iscritto alla nostra newsletter! 
Ti terremo aggiornato sulle nostre novità, promozioni e sui nostri eventi.

Edizioni il Frangente

 
Seguici Seguici Facebook | Assistenza Clienti+39 045 8012631 $scrivici
logo Il Frangente

Hai già inoltrato la richiesta per essere avvisato sulla disponibilità di questo prodotto.

Sarai avvisato appena il prodotto è disponibile.

Grazie!

Edizioni il Frangente

Abbiamo inserito la tua richiesta.

Quando il prodotto sarà disponibile, sarai avvisato per email.

Grazie!

Edizioni il Frangente

 

Per essere avvisati sulla disponibilità del prodotto è richiesta la registrazione.

Se sei già registrato effettua il login, altrimenti REGISTRATI.

Tutti a bordo

Patrizio Rapalino e Giuseppe Schiavardi

CODICE
MUR 307
EDITORE
Ugo Mursia Editore
ISBN
9788842543602
EDIZIONE
2009
LINGUA
Italiano
PAGINE
361 in b/n
FORMATO
140 x 210 mm
RILEGATURA
Brossura
€ 18,00
€ 16,92

«L'8 settembre...vedendo le Grandi Navi muoversi da quegli ormeggi dove erano rimaste inattive per tanti mesi, credevamo soltanto che la Flotta si preparasse alla battaglia...Se poi oggi si comprendono tante cose...l'8 settembre noi non abbiamo capito nulla né potevamo ammettere che il passaggio al nemico potesse essere la via giusta da seguire.»
Dal Rapporto di Riccardo Imperiali comandante della torpediniera Pegaso

Gli autori, comandanti in servizio attivo, si propongono di fornire al lettore nuovi temi di riflessione sulla storia della marina italiana, un mondo a sé, su cui si sono consolidati molti luoghi comuni. Per comprendere il comportamento della flotta italiana l'8 settembre 1943 occorre chiedersi qual era la vera funzione delle forze navali da battaglia, e a cosa servivano le moderne corazzate. Sulla base di fonti e testimonianze in parte inedite, reperite in Italia e all'estero, viene messa in luce l'esistenza della dissonanza tra ragion di Stato ed etica militare, di una spaccatura tra i vertici e i comandanti a bordo, isolati sulle proprie navi che porterà a una serie di drammi e tragedie individuali, soltanto sussurrati, tra cui il suicidio del comandante Carlo Fecia di Cossato.