Grazie per esserti iscritto alla nostra newsletter! 
Ti terremo aggiornato sulle nostre novità, promozioni e sui nostri eventi.

Edizioni il Frangente

 
Seguici Seguici Facebook | Assistenza Clienti+39 045 8012631 $scrivici
logo Il Frangente

Hai già inoltrato la richiesta per essere avvisato sulla disponibilità di questo prodotto.

Sarai avvisato appena il prodotto è disponibile.

Grazie!

Edizioni il Frangente

Abbiamo inserito la tua richiesta.

Quando il prodotto sarà disponibile, sarai avvisato per email.

Grazie!

Edizioni il Frangente

 

Per essere avvisati sulla disponibilità del prodotto è richiesta la registrazione.

Se sei già registrato effettua il login, altrimenti REGISTRATI.

Dall'America all'Europa

Vincenzo Fondacaro

CODICE
EDV 507
EDITORE
Galzerano Editore
EDIZIONE
II EDIZIONE 2002
LINGUA
Italiano
PAGINE
238 ill. b/n
FORMATO
150 x 210 mm
RILEGATURA
Brossura con alette
€ 13,00

Viaggio attraverso l'Oceano

Stimolanti e ricche del fascino proprio delle avventure realmente vissute, le pagine di questo libro ripropongono una straordinaria traversata del] Oceano Atlantico, compiuta – dall’ottobre del 1880 al gennaio 1881 - da tre marinai italiani determinati e coraggiosi: Vincenzo Fondacaro, calabrese di Bagnara Calabra (Reggio Calabria), Orlando Grassoni di Ancona e dal cilentano Pietro Troccoli di Marina di Camerota (Salerno), che erano partiti da Montevideo e dopo varie peripezie giunsero nel porto di Livorno nel giugno del 1881. Praticamente senza nulla, i tre “navigatori solitari” restarono da soli in mezzo ali Oceano per novantasei giorni, sfidando mille pericoli, senza cedere mai alla paura, ma nutrendo un avvincente fiducia nelle loro capacità e nell’olio che serviva per placare le onde tempestose. Dovettero misurarsi con eventi e forze che li sovrastavano in un confronto appassionante il cui esito non appare mai scontato, ma alla fine riescono a 'vincere' le imprevedibili insidie dell’Oceano, che percorrono per diecimila chilometri. Viaggiavano su un piccolo e microscopico guscio di noce di tre tonnellate, lungo appena nove metri, largo due ed alto un metro al centro e un metro e sessanta a prua e a poppa, che - in omaggio a Giuseppe Garibaldi - avevano chiamato 'Leone di Caprera", che, dopo essere stato conservato presso il Museo Civile Didattico Navale di Milano, attualmente si trova in una grotta di Marina di Camerota.