Grazie per esserti iscritto alla nostra newsletter! 
Ti terremo aggiornato sulle nostre novità, promozioni e sui nostri eventi.

Edizioni il Frangente

 
Seguici Seguici Facebook | Assistenza Clienti+39 045 8012631 $scrivici
Password dimenticata?
logo Il Frangente

Hai già inoltrato la richiesta per essere avvisato sulla disponibilità di questo prodotto.

Sarai avvisato appena il prodotto è disponibile.

Grazie!

Edizioni il Frangente

Abbiamo inserito la tua richiesta.

Quando il prodotto sarà disponibile, sarai avvisato per email.

Grazie!

Edizioni il Frangente

 

Per essere avvisati sulla disponibilità del prodotto è richiesta la registrazione.

Se sei già registrato effettua il login, altrimenti REGISTRATI.

Palombiro Pagine dal fondo

D'Imporzano Leonardo

CODICE
MGS 107
EDITORE
Addictions-Magenes Editorial
ISBN
9788866490784
EDIZIONE
2014
LINGUA
Italiano
PAGINE
154
FORMATO
170 x 230 mm.
RILEGATURA
Brossura
€ 18,00
Nell’immaginario collettivo il termine “palombaro” rievoca nella mente fotografie sbiadite di personaggi d’altri tempi, uomini che indossavano pesanti scafandri e che si muovevano a stento sui fondali marini, tra il pionierismo e il piacere della scoperta e dell’avventura, il cui ritorno in superficie era dato più dalla clemenza delle profondità marine che dalle abilità personali e dalle conquiste tecnologiche. Pochi sanno invece che i palombari esistono ancora oggi e costituiscono reparti di élite in oltre quaranta Paesi al mondo, ancora meno sanno che la Scuola della Marina Militare Italiana ha una storia di oltre 164 anni sulle spalle e che, inquadrati nel G.O.S. Gruppo Operativo Subacquei, si selezionano, si addestrano e hanno la loro sede presso il Raggruppamento Subacquei e Incursori “Teseo Tesei” sul promontorio del Varignano, a Le Grazie, pochi passi da La Spezia. Ma chi è oggi il palombaro? Il palombaro non è un combattente, è un esperto in ricerca e soccorso. Ritrova quello che si è perso in acqua, riporta in superficie quello che è affondato, toglie di mezzo quello che intralcia. Un aspirante palombaro, conquistato l’agognato basco blu al termine di un corso di 44 settimane, acquisisce capacità multiple che vanno dal riconoscimento di ordigni alla loro successiva neutralizzazione, fino al soccorso di sommergibili sinistrati. Sul perché un “marinaio” voglia oggi fare il palombaro, prova a rispondere l’autore di questo volume, primo giornalista “embedded” che ha avuto l’opportunità di seguire l’80° Corso Ordinario Palombari (2012-2013) dall’“interno” in un ruolo unico e privilegiato. Attraverso le pagine di questo libro, infatti, entra nel vivo del lato umano, ne esplora i risvolti, in un contesto e in situazioni di assoluta straordinarietà: tra speranze, illusioni e desideri degli allievi, ricordi, aneddoti e aspettative degli istruttori, nonché dei palombari in servizio, le storie individuali loro e di quelli in congedo, in un percorso della memoria personale per offrire uno spaccato diverso e singolare sulla memoria storica. All’insegna d’una scrupolosa autenticità. L’esperienza subacquea della Marina Militare, maturata in oltre 164 anni di pionierismo, avventure, missioni e sacrifici, è ancora oggi custodita dal Raggruppamento Subacquei e Incursori “Teseo Tesei” […]. IL CAPO DI STATO MAGGIORE della Marina Militare Ammiraglio di Squadra Giuseppe DE GIORGI […] Vivendo i loro sacrifici, miscelati alla straordinarietà di ogni singolo giorno passato alla Scuola Subacquei di Com.Sub.In., il lettore ha modo di comprendere tangibilmente cosa significhi per un giovane diventare un palombaro… anzi ESSERE un palombaro della Marina Militare Italiana. Capitano di Vascello Francesco CHIONNA Comandante di Com.Sub.In.

Ti potrebbero interessare anche
  • Giù nelle navi in fondo al mare
  • Biodiving
  • Verso gli abissi
  • Dalle scarpe di piombo alle pinne
  • Immerso in una bolla d'aria
  • Il segreto di Cala dell'Oro
  • Tecniche di respirazione per apnea
  • Videosub
  • Relitti e navi sommerse