Grazie per esserti iscritto alla nostra newsletter! 
Ti terremo aggiornato sulle nostre novità, promozioni e sui nostri eventi.

Edizioni il Frangente

 
Seguici Seguici Facebook | Assistenza Clienti+39 045 8012631 $scrivici
logo Il Frangente

Hai già inoltrato la richiesta per essere avvisato sulla disponibilità di questo prodotto.

Sarai avvisato appena il prodotto è disponibile.

Grazie!

Edizioni il Frangente

Abbiamo inserito la tua richiesta.

Quando il prodotto sarà disponibile, sarai avvisato per email.

Grazie!

Edizioni il Frangente

 

Per essere avvisati sulla disponibilità del prodotto è richiesta la registrazione.

Se sei già registrato effettua il login, altrimenti REGISTRATI.

Giornale di navigazione del Brigantino a Palo MOU

Museo Marinaro Camogli

CODICE
EDV 112
EDITORE
Nuova Editrice Genovese
ISBN
978885540002
EDIZIONE
2002
LINGUA
Italiano
PAGINE
148 ill. a colori
FORMATO
210 x 297 mm
RILEGATURA
Brossura
€ 20,00
EDIZIONE 2002

Viaggio dalla Birmania alla Germania ANNO 1882 Quaderno n.12

Questo dodicesimo Quaderno del Museo Marinaro Gio Bono Ferrari, riportato integralmente in copia anastatica, vuol essere una testimonianza del modo di vivere e di navigare, ai tempi eroici della vela, dopo 120 anni, su di un Brigantino a palo di Camogli in un viaggio da Bassein a Bremenhaven con un carico di riso in sacchi.

Il viaggio che riportiamo inizia il 13 aprile 1882 da Bassein, un porto birmano che giace 75 mg. sopra Port Dalhousie, e che costituiva una posizione militarmente importante perché regolava la navigazione sul fiume e permetteva il transito alle navi di gran tonnellaggio che potevano inoltre usufruire di due potenti rimorchiatori a vapore: un grosso aiuto a quei tempi!

Si tratta di un viaggio molto lungo e complesso. Infatti inizia da Bassein, che ha una latitudine 12°17'N e longitudine 93°50'E; si naviga nel Golfo del Bengala e si attraversa l'Equatore per giungere a Capo di Buona Speranza, per poi ritornare al Nord riattraversando l'Equatore e nell'Atlantico del Nord sino al Canale della Manica e nel Mare del Nord: tutto ciò senza quasi alcune comunicazione col il mondo esterno.