Grazie per esserti iscritto alla nostra newsletter! 
Ti terremo aggiornato sulle nostre novità, promozioni e sui nostri eventi.

Edizioni il Frangente

 
Seguici Seguici Facebook | Assistenza Clienti+39 045 8012631 $scrivici
Password dimenticata?
logo Il Frangente

Hai già inoltrato la richiesta per essere avvisato sulla disponibilità di questo prodotto.

Sarai avvisato appena il prodotto è disponibile.

Grazie!

Edizioni il Frangente

Abbiamo inserito la tua richiesta.

Quando il prodotto sarà disponibile, sarai avvisato per email.

Grazie!

Edizioni il Frangente

 

Per essere avvisati sulla disponibilità del prodotto è richiesta la registrazione.

Se sei già registrato effettua il login, altrimenti REGISTRATI.

Schiuma e cenere

Jan Jacob Slauerhoff

CODICE
IPR 05
EDITORE
Iperborea
ISBN
9788870910384
EDIZIONE
1994
LINGUA
Italiano
PAGINE
180
FORMATO
100 x 200 mm
RILEGATURA
Brossura
€ 9,50
Alla ricerca della fortuna, della felicità, di un approdo, di una donna intravista di sfuggita da un treno, o di quella amata e abbandonata perché la beatitudine non fa per loro, è un eterno errare quello dei personaggi di Slauerhoff, un vagare verso una meta che non fa che allontanarsi e, se raggiunta, si rivela inafferrabile e illusoria, come i miraggi. Più che la ricerca è la perdita il tema comune a questi racconti, pur così diversi fra loro, la non appartenenza, la malinconia del viaggiatore che arriva la sera in una città sconosciuta e sa che le luci e il colore che ne emanano gli saranno sempre estranei. La Mecca, una Bassora da ironiche Mille e una notte, Kiev, Mosca, Locarno, Creta, la Crimea, Burgos, Malaga, Frisco, i porti brulicanti della Cina, gli oceani, i deserti, le steppe, nomi che evocano mondi di avventura, non sono le tappe di un cammino, il progredire di esperienza in esperienza verso la comprensione di quanto si è vissuto, ma soste provvisorie nel perenne nomadismo di chi si sente ovunque sradicato ed esule, straniero alla vita. Nonostante certe atmosfere conradiane, più che a Conrad è a Roth che fa pensare Slauerhoff: neppure il mare redime dall’indifferenza e dal torpore dell’anima; la tempesta non è la prova da cui si esce vincitori o sconfitti, la nave resta in balia delle onde senza una mano che la diriga, sopravvive lasciandosi andare alla deriva. E in quell’andare alla deriva si riassume il destino dei personaggi, spinti dal vento del caso a una fuga senza fine, verso quell’unica meta che può dare la pace: l’oblio, la liberazione da se stessi, la dissoluzione, come l’acqua e l’aria nella schiuma e la terra e il fuoco nella cenere.

Ti potrebbero interessare anche
  • Il cerchio celtico
  • L'ultima avventura del pirata Long John Silver
  • Bisogno di libertà
  • La saggezza del mare
  • Diario di bordo di uno scrittore
  • Il porto dei sogni incrociati
  • La vera storia del pirata Long John Silver