Grazie per esserti iscritto alla nostra newsletter! 
Ti terremo aggiornato sulle nostre novità, promozioni e sui nostri eventi.

Edizioni il Frangente

 
Seguici Seguici Facebook | Assistenza Clienti+39 045 8012631 $scrivici
Password dimenticata?
logo Il Frangente

Hai già inoltrato la richiesta per essere avvisato sulla disponibilità di questo prodotto.

Sarai avvisato appena il prodotto è disponibile.

Grazie!

Edizioni il Frangente

Abbiamo inserito la tua richiesta.

Quando il prodotto sarà disponibile, sarai avvisato per email.

Grazie!

Edizioni il Frangente

 

Per essere avvisati sulla disponibilità del prodotto è richiesta la registrazione.

Se sei già registrato effettua il login, altrimenti REGISTRATI.

Le proprietà nautiche della carta di Mercatore

Riccardo Fava

CODICE
TDL 02
EDITORE
Edizioni il Frangente
ISBN
9788887297645
EDIZIONE
2011
LINGUA
Italiano
PAGINE
36 ill. b/n
FORMATO
A4
RILEGATURA
Punto metallico
€ 10,00
€ 9,00

Già nella prima metà del XVI secolo si sentiva l’esigenza di ottenere una carta nautica conforme, cioè che conservasse in essa gli angoli misurati sulla superficie terrestre. Tale problema fu risolto da Mercatore (nome latinizzato del cartografo olandese Gerard Kremer) il quale pubblicò nel 1569 un grande mappamondo, battezzato col nome  Nova et aucta orbis terrae descriptio, celebre come primo esempio di proiezione conforme. Questa scoperta con la sua evoluzione storica, merito del progredire della scienza e degli studi condotti sulla forma della terra, ha dato vita alla carta di Mercatore come la conosciamo oggi, che è la carta nautica per eccellenza. 

Le sue principali proprietà nautiche sono la conformità, ottenuta modificando analiticamente la legge di distribuzione dei paralleli della proiezione cilindrica centrale con la latitudine crescente; la conformazione del reticolato geografico, nel quale meridiani e paralleli appaiono come linee rette ortogonali tra loro; la forma che su di essa hanno le traiettorie lossodromiche ed ortodromiche, l’una rappresentata come una retta, l’altra come una curva che volge la concavità verso il polo. Purtroppo, nonostante i suoi considerevoli vantaggi, la carta di Mercatore presenta l’inconveniente delle notevoli deformazioni nelle distanze e nelle aree subite dalle regioni poste ad elevata latitudine, tanto che essa non è utilizzata per rappresentare zone che si estendono oltre i 75° di latitudine; in tal caso viene spesso impiegata la proiezione stereografica polare, che anch’essa è conforme.

Nonostante l’avvento della navigazione satellitare ed elettronica, nonché della cartografia elettronica la quale non utilizza più i metodi tradizionali per rappresentare la superficie terrestre su di un piano, la carta di Mercatore permane, per motivi giuridici o per motivi di sicurezza, una pubblicazione essenziale per la navigazione.

L'AUTORE
Riccardo Fava
Riccardo Fava
Nato a Lucca nel 1987, ha frequentato l’Istituto Tecnico Nautico  Artiglio di Viareggio (sezione capitani) dove ha conseguito il diploma di...
leggi tutto

Titoli dello stesso autore
  • Le onde del mare e la loro osservazione