Grazie per esserti iscritto alla nostra newsletter! 
Ti terremo aggiornato sulle nostre novità, promozioni e sui nostri eventi.

Edizioni il Frangente

 
Seguici Seguici Facebook | Assistenza Clienti+39 045 8012631 $scrivici
Password dimenticata?
logo Il Frangente

Hai già inoltrato la richiesta per essere avvisato sulla disponibilità di questo prodotto.

Sarai avvisato appena il prodotto è disponibile.

Grazie!

Edizioni il Frangente

Abbiamo inserito la tua richiesta.

Quando il prodotto sarà disponibile, sarai avvisato per email.

Grazie!

Edizioni il Frangente

 

Per essere avvisati sulla disponibilità del prodotto è richiesta la registrazione.

Se sei già registrato effettua il login, altrimenti REGISTRATI.

Navigatori scalzi

Paolo Dell’Oro

CODICE
NAV 36
EDITORE
Edizioni il Frangente
ISBN
9788898023547
EDIZIONE
2015
LINGUA
Italiano
PAGINE
416 ill. b/n
FORMATO
150 x 210 mm
RILEGATURA
Brossura con alette
€ 25,00
€ 22,50

Per i mari senza carte né strumenti

Non si pensa mai, né si vede scritto, che i grandi marinai come Colombo, Vespucci, da Gama e molti altri erano navigatori scalzi, ossia andavano verso l’ignoto servendosi di una strumentazione primitiva. L’argomento di questo libro, inedito in Italia, prende in considerazione questo aspetto fondamentale dell’andar per mare non solo dei grandi navigatori dei secoli XV e XVI, ma anche di coloro che li avevano preceduti pur non essendo passati alla storia.
Chi navigava per la prima volta in acque sconosciute, non possedeva carte nautiche, essendo del tutto inesistenti, ed i mezzi di cui poteva disporre per sapere la propria posizione erano quanto mai primitivi: l’osservazione di qualche stella, il volo degli uccelli, il colore del mare.
Le cognizioni dei navigatori scalzi andarono via via arricchendosi nel corso dei millenni, in particolare la cartografia e la strumentazione, rendendoli così sempre meno scalzi. Oggi sarebbe del tutto impensabile affrontare grandi navigazioni d’altura e non disporre di adeguati strumenti e carte elettroniche.
Gli ultimi navigatori che possiamo definire scalzi furono quelli che nel XX secolo si avventurarono tra i ghiacci delle calotte polari, soprattutto nel Mare Glaciale Artico.

L'AUTORE
Paolo Dell'Oro
Paolo Dell'Oro
Roma 23 novembre 1935 – Varese 9 maggio 2015 Appassionato studioso di scienze, responsabile di un progetto di studio e sviluppo della salvagu...
leggi tutto

Ti potrebbero interessare anche
  • Trafalgar 1805. La più grande vittoria di Nelson
  • La storia del mondo in dodici mappe
  • Salamina 480 a.C.
  • Sulle rotte dei Romani
  • Storia della marineria
  • Navi e marinai dell'antichità
  • Storia della navigazione

Titoli dello stesso autore
  • Verso gli abissi
  • Vele, motore della storia
  • Carte, cartografi e marinai
  • Nel segno della galletta